No alla riforma integralista dei Consultori familiari!

Olimpia Tarzia, consigliere della Regione Lazio in quota Polverini ed ex segretario generale del Movimento per la Vita, lo scorso 26 Maggio ha avanzato al Consiglio regionale una proposta di legge sulla riforma e riqualificazione dei Consultori familiari, firmata dall’intera maggioranza di centro-destra e da quattro consiglieri del Partito Democratico.

Obiettivo della proposta dell’On. Tarzia è l’abrogazione dell’intera Legge Regionale n.15 del 16 Aprile 1976, che regola tuttora i “servizi di assistenza alla famiglia e di educazione a maternità e paternità responsabili”, sostituendo quindi le equilibrate norme in vigore con disposizioni intrise di ideologismi che, insieme al blocco della pillola abortiva RU486 da parte del Presidente Renata Polverini, mirano ad attaccare ed aggirare la legge n.194/1978 sull’interruzione di gravidanza, colpendo di fatto la libertà di auto-determinazione dell’individuo.

Olimpia Tarzia non è certo nuova a battaglie del genere: nel 2001, nel Consiglio Regionale presieduto da Francesco Storace, fece approvare una mozione contro la pillola del giorno dopo, paragonandola ad un metodo abortivo e non contraccettivo(nonostante le indicazioni contrarie fornite dall’OMS) e promuovendo quindi l’obiezione di coscienza per i farmacisti incaricati di vendere il farmaco.

La legge regionale del 1976 ha reso il Consultorio un garante della ‘procreazione libera e consapevole’, e coniuga con equilibrio la prevenzione al ricorso all’aborto con le finalità liberamente espresse dal singolo e dalla coppia e con le prioritarie esigenze di tutela della salute della donna.
Il testo della legge inoltre esplicita la necessità di informare i pazienti di tutti i metodi contraccettivi a disposizione, in funzione di una sessualità consapevole, e promuove iniziative di educazione sessuale, in collaborazione con gli organi collegiali della scuola.

I Consultori familiari, nella relazione del Consigliere Tarzia, sono invece privati della funzione di tutela della salute psico-fisica della donna, in quanto singolo individuo, e si trasformano in istituzioni mirate alla difesa della famiglia fondata esclusivamente sul matrimonio, escludendo altre forme di convivenza e rimarcando tra l’altro il principio bioetico del ‘figlio concepito’ come già parte della famiglia (vedi legge regionale 32/01).
Nel testo della proposta inoltre non vi è alcuna traccia di riferimenti all’assistenza psicologica e sociale della donna in caso di interruzione volontaria di gravidanza, nei limiti della legge 194, né all’attività di educazione sessuale da parte del Consultorio e del suo personale, ma soprattutto l’informazione su “tutti i mezzi contraccettivi esistenti, e la loro somministrazione in base all’esigenza dei singoli” viene spazzata via attraverso l’introduzione di personale addetto all’insegnamento di metodi per la regolazione naturale della fertilità, sorvolando quindi in maniera irresponsabile sulla trasmissibilità di malattie veneree, dalle quali tali pratiche naturali non offrono alcuna protezione.
Altrettanto controversa è infine la trasformazione dei consultori pubblici in forma di consorzi partecipati anche dalle “associazioni portatrici della cultura familiare”, istituendo di fatto, all’interno della struttura, dei veri e propri comitati pro-life, che potranno persino detrarre il 30% delle spese dall’Irpef.

Attraverso la proposta di riforma e riqualificazione, si vuole quindi trasformare il Consultorio familiare in una struttura biecamente integralista, incapace di rispettare laicamente le sensibilità dei cittadini e soprattutto cittadine della Regione Lazio in materia di temi etici, sopprimendo ogni diritto all’auto-determinazione del singolo, ma soprattutto calpestando la salute della donna, che si ritrova ostacolata nel già complesso e psicologicamente difficile percorso per il ricorso alla legge 194.

Fabrizio Leone,
Segretario Giovani Democratici della Città di Frosinone

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...